Fabbrica Treviso

Blog di Stefano Dall'Agata


1 commento

XPocalypse? – NON ESISTONO COMPUTER VECCHI

Martedì 15 aprile 2014 alle ore 20.45 presso la sede della ACSE Treviso è organizzato un INCONTRO GRATUITO per capire come dare una nuova vita al tuo computer che pensavi di buttare, utilizzando un sistema operativo (Xubuntu – che è liberamente scaricabile QUI) e programmi gratuiti, affidabili e funzionali per ogni esigenza.

xp a linux fb

con Linux puoi

Dall’8 aprile Microsoft non supporta più Windows XP, di qui il termine XPocalypse.

CHE FARE?

VIENI A SCOPRIRE COME DARE UN FUTURO AL TUO PC, A COSTO ZERO

 

da win a linuxProva:

Su Facebook:

Martedì 15 aprile alle ore 20.45
Sede ACSE Treviso, viale Brigata Marche 11/C


Lascia un commento

Vent’anni di Thelma

Originally posted on Lunanuvola's Blog:

20 anni

thelma

Mia cara amica, buon compleanno! Però…
Thelma, ci sei o ci fai?
Cieca da un occhio, incerta sulle zampe, brontoli per metà giornata e dormi l’altra metà.
Pure, ieri mattina, ti sei lanciata al galoppo dal letto, uno sprint in corridoio come ai vecchi tempi – dando la caccia a chissà cosa.
Vent’anni è un bel po’ di tempo, ci diciamo distese vicine, io con la voce, tu con la tua testolina stanca abbandonata fiduciosa nella mia mano.
Vent’anni potrebbe essere la fine, penso io, ma so che tu non lo pensi. Per te ogni giorno è infinito, ogni giorno è trionfo e traguardo, e il presente è per sempre.
Mio piccolo e prezioso amore peloso, grazie per avermi insegnato ad invecchiare con entusiasmo. La tua Mahua (Thelma mi chiama così)

strassi

View original


Lascia un commento

Dedicato ad una novantenne partigiana

Ieri era il novantesimo compleanno di Lidia Brisca Menapace, partigiana, femminista, donna di sinistra.

lidia menapace

Ho avuto il piacere di conoscerla, la invitammo a Treviso con la Rete di Lilliput a parlarci di pace e di femminismo, poi capitò che mi invitò al Convegno Per un’Europa “disarmata e neutrale” contro la guerra presso l’European Social Forum di Firenze.

Ripropongo qui il testo del mio intervento, che allora passò il severo esame della prof :-)

European Social Forum “Come disarmare la finanza”

Continua a leggere


Lascia un commento

5 aprile #ItaliaNOogm

Originally posted on Legambiente Treviso:

clip_image001 Da due anni stiamo assistendo a un tentativo di introduzione di colture Ogm nel nostro Paese, nonostante i cittadini abbiamo dichiarato più volte la loro contrarietà.
La coesistenza tra produzioni Ogm, biologiche e convenzionali non è ammessa per legge ed è impraticabile perché non è in grado di tutelare la salute dei consumatori e dell’ambiente.
Noi vogliamo che l’agricoltura italiana sia libera da Ogm e continui a basarsi su 3 caratteristiche: qualità, tipicità e sicurezza alimentare. Queste sono le basi per il futuro del buon cibo italiano!

clip_image003

Partecipa al sondaggio di Legambiente

L’articolo sul Sito Nazionale di Legambiente #ItaliaNOogm

View original


Lascia un commento

Il supremo interesse dei minori

Originally posted on il ricciocorno schiattoso:

Fonte: America’s Court-licensed abuse and court-sponsored sex slavery

Nei Tribunali dei Minori si parla di un abuso definito “alienazione genitoriale” che niente ha a che fare con un comportamento alienante (messo in atto da una delle figure genitoriali). Il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti, nei suoi rapporti presentati a seguito di indagini, ha confermato quanto accade, rilevando che che i Giudici stanno affidando i bambini a genitori abusanti giustificando tali decisioni con l’alienazione genitoriale.

Per chiarire: alcuni esempi

Katie Tagle (supportata dalle prove e dalla Polizia) supplicò il Giudice di emettere un ordine restrittivo perché il padre aveva minacciato di uccidere il piccolo Wyatt Garcia. Facendo appello all’alienazione genitoriale, il Giudice ordinò che il bambino venisse affidato al padre. Il risultato di tale decisione è stato l’omicidio di un bambino di 10 mesi.

L’ultima volta che Amy Leichtenberg ha visto i suoi due figli in vita erano alla…

View original 308 altre parole


Lascia un commento

Leggi elettorali, Costituzione, Democrazia – Video

Besostri

Resoconto video della serata organizzata dal Comitato Costituzione la Via Maestra – Treviso con l’Avv. Felice Besostri e il giornalista Andrea Passerini de La Tribuna di Treviso.

Scarica le slide della Camera ITALICUM

 

 


Lascia un commento

Legambiente su avvio raccolta porta a porta a Treviso

legambiente tv

Una vittoria di civiltà. Chi è contro il sistema porta a porta non vuole differenziare i rifiuti”

pAp è modello vincente. Stop ad inutili e demagogiche strumentalizzazioni”

L'introduzione e l'avvio della raccolta differenziata porta a porta nel Comune di Treviso rappresenta una vittoria di civiltà, e finalmente il recupero di un ritardo organizzativo e purtroppo culturale che il Comune capoluogo ha sviluppato negli anni nei confronti del resto della provincia.

Secondo Legambiente Treviso l'avvio della raccolta porta a porta anche in città è una vittoria di civiltà, che rilancia la nostra provincia quale punta di eccellenza nazionale e internazionale per i risultati nella raccolta e nel riciclaggio. L'esperienza maturata dai Consorzi Priula e TV3 unita all'operatività del gestore Contarina rappresentano un modello studiato e portato ad esempio anche dalla Regione Veneto e dall'Italia.

Una buona notizia per la città ed i cittadini ed una sfida che la nuova Giunta deve affrontare con serietà ed intransigenza” dichiarano gli ambientalisti del cigno verde. Sono infatti le polemiche sul porta a porta in centro a Treviso di queste settimane a mettere sull'attenti i sostenitori da sempre di questo modello di raccolta dei rifiuti. Sull'argomento anche il coordinamento regionale di Legambiente interviene.

Attualmente la R.D. nel contesto regionale – dichiara Gigi Lazzaro, presidente di LegambienteVeneto – vede il 77% dei Comuni veneti aver già conseguito l'obiettivo massimo del 65% stabilito dalla normativa nazionale per il 2012, e tra i 95 Comuni della Provincia solo Treviso non raggiunge questo obiettivo. Gli obiettivi nazionali ed europei sulla r.d. valgono per tutti, per esempio a Salerno con la raccolta porta a porta attiva si sfiora il 70%, a Padova già è realtà proprio nel centro storico ed in alcuni quartieri e perfino Milano l'ha avviata con l'obiettivo di estenderla a tutta la città entro fine 2014. Certo poi c'è un'altra Italia che ancora non si è accorta che il mondo è cambiato e continua a riempire cassonetti e discariche, ma è onestamente anacronistico chi pensa o peggio propone di fare marcia indietro”.

Osservando il rapporto Comuni Ricicloni di Legambiente (www.ricicloni.it) infatti, balza agli occhi come a dispetto di una r.d. che per tutta la provincia raggiunge e supera il 75% (oltrepassando anche l'ultimo obiettivo previsto dal d.gls. 152/06 del 2012), la Città di Treviso produca un 56,4% di raccolta differenziata (da Ecosistema Urbano 2013). Come dire, mentre piccoli e medi Comuni si sono dati da fare il capoluogo è rimasto per anni a guardare.

Moltissimi Comuni, hanno raggiunto risultati eccellenti proprio grazie al sistema di raccolta porta a porta, un modello vincente ed indispensabile al raggiungimento del vero obiettivo: la massimizzazione del recupero di materia, così da arginare sempre di più l'invio di rifiuti all'incenerimento. Vale la pena sottolineare che le elevate rese di questo sistema consentono di ridurre al minimo la quantità di rifiuto residuo da trattare, riducendo in modo sostanziale la necessità al ricorso di discariche, che noi vogliamo rottamare, e per le quali il nostro territorio ha già subito un forte degrado con conseguente possibile inquinamento anche delle falde acquifere.

Non si può lasciare spazio a critiche demagogiche e strumentalizzazioni politiche come quelle a cui stiamo assistendo in queste settimane a Treviso conclude Legambiente Treviso chi si oppone non vuole differenziare i rifiuti per pigrizia o noncuranza. Gli consigliamo di armarsi di pazienza e di non dimenticare che il metodo porta a porta richiede la responsabilizzazione e consapevolezza di tutti i cittadini relativamente alla produzione e smaltimento dei propri rifiuti, ognuno è responsabile e paga per quanto produce; è un fattore di civiltà ed aiuta la società ad avviarsi verso un modello di sviluppo più efficiente nell'uso delle risorse e quindi più sostenibile per le generazioni future.

Legambiente Treviso

Legambiente Veneto

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 26 follower