Fabbrica Treviso

Blog di Stefano Dall'Agata


Lascia un commento

Sixty​-​Eight, Twenty​-​Two – Nuovo album per i …WTM

La punk band della Corea del Sud …Whatever That Means arriva al suo terzo rilascio, dopo l’EP di esordio The Newest Hope e l’album Sounds From The Explosion.
Oltre alle nuove canzoni troviamo due nuove versioni della loro “classica” Peace of Mind, la seconda in una solare versione acustica.

Buon ascolto


2 commenti

Per Nelson Mandela

Gli ultimi bollettini medici su Nelson Mandela riportano “stato vegetativo permanente” sulla diagnosi. Ormai sembra non ci sia nulla più da fare, e resti solo che prepararsi a dire addio a Madiba.

mandela

Il video che posto è quello della canzone che gli fu dedicata da un gruppo rock di Hong Kong, i Beyond guidati da Wong Ka Kui, e che considero una delle più belle ballate rock scritte per lui.

Days of Glory / 光輝歲月 / Glorious Days

song for nelson mandela , Days of Glory, nelson mandela song
Composed/Lyric by – Beyond, Wong Ka Kui .
Year :1990 , Hong Kong

Dedicated to Nelson Mandela

The bell rings out signals for home
To compare it with his life,
it seems to be fulled of sadness
To him the meaning of being Black
is to devote the life to racial fights
Time turns gaining into losing
Tiresome eyes still shine with hope

Only the body remains today
to welcome the glorious days
Embracing freedom in stormy days
Never stop struggling with uncertainty
Believing the future can be altered
Asking who can be the same

Can we bring down the boundary of races
Wishing in this land
no one will weights the value of one another
The beauty of multicolors
is because it doesn’t sort out each color


Lascia un commento

Nuovi Punk crescono

Distante dalle luci del mainstream, dalla corsa all’esser famosi senza poi aver nulla da dire, né musicalmente, né in altro modo, in giro per il pianeta il Punk Rock continua a dar buona prova di sé.
Avevo scritto un post ad inizio anno sul gruppo che per me era attualmente la miglior cosa in campo punk, i …Whatever That Means dalla Corea del Sud.

Recentemente sono parte del progetto First Blast Records che mette insieme una famiglia di punk bands da tutto il mondo.
Questo progetto ha appena rilasciato in FREE DOWNLOAD una compilation che vede partecipare 12 bands da 12 paesi.

Scaricabile anche qui: MediaFire

Continua a leggere


1 Commento

Qualunque cosa significhi

Il gruppo musicale più interessante da seguire in quest’anno che inizia arriva dalla Corea del Sud e si chiama “…Whatever That Means “.

wtm

Una formazione a 4 elementi che propone un punk melodico ispirato ai Bad Religion e ai Social Distorsion.

La formazione attuale è così composta:

il cantante e  chitarra ritmica Jeff
la bassista e seconda voce Trash
il batterista Hong Gu
il chitarra solista Oh-Baeng

Il video propone la loro ottima performance del 2011.12.09 al  “924 Gilman St” storico locale punk di Berkeley in California.


Lascia un commento

Buone feste FAIRYTALE OF NEW YORK

Auguri di buone feste, la malinconia di questa canzone ben si accompagna a questo fine anno italiano.

It was Christmas Eve babe
In the drunk tank
An old man said to me, won’t see another one
And then he sang a song
The Rare Old Mountain Dew
I turned my face away
And dreamed about you

Got on a lucky one
Came in eighteen to one
I’ve got a feeling
This year’s for me and you
So happy Christmas
I love you baby
I can see a better time
When all our dreams come true

They’ve got cars big as bars
They’ve got rivers of gold
But the wind goes right through you
It’s no place for the old
When you first took my hand
On a cold Christmas Eve
You promised me
Broadway was waiting for me

You were handsome
You were pretty
Queen of New York City
When the band finished playing
They howled out for more
Sinatra was swinging,
All the drunks they were singing
We kissed on a corner
Then danced through the night

The boys of the NYPD choir
Were singing “Galway Bay”
And the bells were ringing out
For Christmas day

You’re a bum
You’re a punk
You’re an old slut on junk
Lying there almost dead on a drip in that bed
You scumbag, you maggot
You cheap lousy faggot
Happy Christmas your arse
I pray God it’s our last

I could have been someone
Well so could anyone
You took my dreams from me
When I first found you
I kept them with me babe
I put them with my own
Can’t make it all alone
I’ve built my dreams around you


copyright 1988 Shane MacGowan & Jem Finer


1 Commento

c’è ancora tanto da inventare per costruire una cultura differente

Sólo le pido a Dios
que el dolor no me sea indiferente,
que la reseca muerte no me encuentre
…vacío y solo sin haber hecho lo suficiente.

Sólo le pido a Dios
que lo injusto no me sea indiferente,
que no me abofeteen la otra mejilla
después que una garra me arañó esta suerte.

Sólo le pido a Dios
que la guerra no me sea indiferente,
es un monstruo grande y pisa fuerte
toda la pobre inocencia de la gente.

Sólo le pido a Dios
que el engaño no me sea indiferente
si un traidor puede más que unos cuantos,
que esos cuantos no lo olviden fácilmente.

Sólo le pido a Dios
que el futuro no me sea indiferente,
desahuciado está el que tiene que marchar
a vivir una cultura diferente.

Sólo le pido a Dios,
que la guerra no me sea indiferente
es un monstruo grande y pisa fuerte
toda la pobre inocencia de la gente. Continua a leggere


Lascia un commento

Niente paura

Niente paura
presentato alla mostra del cinema di Venezia


Niente paura è un film sull’identità nazionale nell’epoca delle “passioni spente”, nell’epoca della crisi radicale della politica, in senso lato. Il film racconta – in modo non ideologico, ma attraverso le storie personali di uomini e donne comuni, di persone conosciute e dello stesso Ligabue – colonna sonora del film e “narratore per eccellenza” – come siamo e come eravamo, in realtà da dove veniamo (fine anni Settanta, primi anni Ottanta, quando si opera una svolta sia nelle istituzioni che nel costume) e quale Paese siamo diventati oggi.
Sito Web:
http://www.nientepaura-ilfilm.it/
Interpreti:
Luciano Ligabue
Sceneggiatura di:
Piergiorgio Gay
Diretto da:
Piergiorgio Gay
Produttore:
Lionello Cerri
Trama:
Raccontare un musicista italiano e il suo pubblico per ripercorrere gli ultimi trent’anni del nostro Paese. Ma possono le canzoni raccontare la società? E può il percorso artisti di un musicista, ovvero Luciano Ligabue come eravamo e come siamo adesso? La musica popolare parla di noi, e spesso ci ritrae meglio di tanti saggi o studi sociologici. Parte da un’emozione, dal ritmo, in maniera viscerale. Una canzone può semplicemente rimanere legata a un momento particolare della nostra vita, darci felicità, amarezza o nostalgia nel ricordo. Addirittura “celebrare” un evento cruciale, diventare “rito”, nel senso più laico e bello del termine. Canzoni e emozioni. Canzoni nello scorrere della vita personale ma anche sociale e politica. Canzoni e memoria. Memoria personale e memoria collettiva, nel duplice senso di memoria di un Paese e memoria di tante persone insieme.