Fabbrica Treviso

Blog di Stefano Dall'Agata


Lascia un commento

La scomparsa del limite

C’è un fenomeno che è a mio avviso divenuto di massa, ed è la scomparsa del limite.
Chiunque si sente autorizzato a dire di tutto e a fare di tutto.

limite

Non che una volta non ci fosse, ho appena visto un documentario sulla mafia del Brenta dove c’è un caso da manuale. Vero che si trattava di una persona ai margini della società, ma il suo comportamento è relativo ad una questione che è comune nel nostro Paese, che fa parte della cultura diffusa: non toccare la mamma.
Questo uomo era un componente della banda di Maniero, successe che la sua compagna lo lasciasse e lui avesse cominciato comportamenti di stalking nei suoi confronti.
Questa giovane donna doveva evidentemente aver chiesto aiuto a Maniero, che chiese alla propria madre di ospitarla, pensando evidentemente che la questione così dovesse tranquillizzarsi.
L’uomo però andò a casa della madre di Maniero, litigò con le due donne arrivando a minacciare la madre di Maniero e a schiaffeggiarla…

La fine della storia è ovvia e nota, la giovane donna non si rimise insieme al suo ex e Maniero non fu testimone di nozze.
Neppure successe l’uomo lasciasse l’Italia e si trasferisse in qualche posto remoto e nascosto, cosa che chiunque con un minimo di buon senso avrebbe secondo me pensato di fare.
Semplicemente evitò per qualche giorno di passare da casa, ma quando lo fece fu visto, preso, portato via e ucciso.

Questa storia vera è paradigmatica di un comportamento estremamente diffuso ed amplificato dai social, ma evidentemente preesistente ad essi. L’idea fallace che si possa fare qualunque cosa e che non ci siano conseguenze dirette ed indirette per i propri comportamenti; esempi possono essercene molteplici, dall’abuso edilizio con il quale si costruisce in una zona inidonea dal punto di vista idraulico o sismico, all’insultare i professori quando giustamente giudicano insufficienti i risultati ottenuti dai ragazzi.

In molti casi, come l’inquinare, l’abbandonare rifiuti, evadere le tasse, anche se non sempre c’è un guadagno diretto, la ricaduta è indiretta, e quella diretta non è probabile per la scarsità dei controlli.

Ma quello che continuo a chiedermi è come sia possibile che ci siano persone che non vedono il limite neppure quando è estremamente evidente, le possibili conseguenze dirette sono chiaramente visibili, e in quale sogno autoreferenziale vivano le proprie vite.

Annunci