Fabbrica Treviso

Blog di Stefano Dall'Agata

Una tipica strage fascista

Lascia un commento

Una tipica strage fascista con gli obiettivi scelti per il loro valore simbolico:
una città Bologna, guidata dal PCI dalla fine del fascismo, e la bomba nella sala di aspetto di seconda classe della Stazione Ferroviaria, quella frequentata dalle persone comuni, non da casta e padroni.

I depistaggi ad opera dei Servizi Segreti Italiani deviati e collegati alla Loggia massonica P2 di Licio Gelli, quella declamata come «un Club con le persone migliori del paese» dall’uomo corrispondente alla tessera 1816, Silvio Berlusconi.

Una tipica strage fascista che ha come complice morale una certa borghesia italiana, sempre pronta a scusare i fascisti, ad usare lo Stato per i propri interessi, e soprattutto contro i diritti di tutti.

Un verso di Fabrizio De Andrè mi torna in mente, anche se non direttamente collegato:
“Per quanto ora vi sentiate assolti, siete per sempre coinvolti”

Autore: Stefano Dall'Agata

Sono nato a Treviso il 6 dicembre 1960, ho conseguito il Diploma di Perito Chimico industriale presso l’ITIS “Enrico Fermi” di Treviso. In gioventù ho praticato atletica leggera e Tae Kwon Do, ma la mia grande passione è la musica, ho anche collaborato come DJ a varie radio locali. Lavoro come carrellista e sono iscritto al sindacato Filt Cgil di Treviso. Ho iniziato a partecipare alla politica attiva nel 1994 prima con il PDS, poi con i DS, arrivando a ricoprire la carica di Responsabile Regionale Ambiente e Territorio. Al loro scioglimento ho deciso di non aderire al PD e ho proseguito il mio percorso prima con Sinistra Democratica e poi con Sinistra Ecologia Libertà, che ho lasciato nel 2013 per motivi etico-morali. Alle Elezioni Amministrative per il mandato 2006/2011 sono stato eletto al Consiglio Provinciale della Provincia di Treviso. Parallelamente si è svolto anche il mio impegno nell’associazionismo, nel volontariato e nella cooperazione con Banca Etica, la Rete Lilliput, Coop Adriatica e Legambiente. Dal 9 febbraio 1979 condivido la mia vita con Maria G. Di Rienzo .

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...