Fabbrica Treviso

Blog di Stefano Dall'Agata

Lettera aperta al nuovo Questore di Treviso

1 Commento

Egr. Dott. Tommaso Cacciapaglia,

mi permetto di scriverle, oggi, giorno che precede il Giorno della Memoria, per sottoporle le mie preoccupazioni rispetto al fenomeno della devianza nazifascista, che da anni infesta questa bella Città di Treviso.

Come lei sicuramente sarà a conoscenza, a Treviso sono avvenuti purtroppo uno stillicidio di fatti di violenza di chiara matrice nazifascista, i cui protagonisti sono noti alle cronache, oltre che agli atti dei suoi uffici.

Fatti che hanno portato l’ANPI di Treviso a prendere più volte posizione e a rimarcare che “Anche a Treviso e provincia si ripetono, nell’indifferenza dell’opinione pubblica e delle istituzioni, atti di violenza che hanno come tetre protagoniste quelle organizzazioni neofasciste che hanno riempito le cronache degli ultimi anni.”

Sotto questo profilo non posso esprimere un completo apprezzamento dell’operato del suo predecessore Carmine Damiano, avendo più volte osservato come non vi fosse da parte sua una risposta adeguata e coerente ai fatti avvenuti.

ACAB TVScritte che riecheggiano vecchie e nuove barbarie appaiono continuamente sui muri di Treviso, in particolare desidero sottoporre alla sua attenzione quella apparsa in Via Oriani, in cui oltre alla parola skinhead e alla svastica si può notare l’acronimo ACAB (All Cops Are Bastards), la cui traduzione significa “tutti i poliziotti sono bastardi”.

Si tratta di messaggi assolutamente non tollerabili, e credo che sia interesse della comunità trevigiana che siano messi in atto tutti gli strumenti affinché gesti come quelli citati non abbiano più a ripetersi, e che i loro autori siano assicurati alla Giustizia.

Cordiali saluti, Stefano Dall’Agata – Treviso

Autore: Stefano Dall'Agata

Sono nato a Treviso il 6 dicembre 1960, ho conseguito il Diploma di Perito Chimico industriale presso l’ITIS “Enrico Fermi” di Treviso. In gioventù ho praticato atletica leggera e Tae Kwon Do, ma la mia grande passione è la musica, ho anche collaborato come DJ a varie radio locali. Lavoro come carrellista e sono iscritto al sindacato Filt Cgil di Treviso. Ho iniziato a partecipare alla politica attiva nel 1994 prima con il PDS, poi con i DS, arrivando a ricoprire la carica di Responsabile Regionale Ambiente e Territorio. Al loro scioglimento ho deciso di non aderire al PD e ho proseguito il mio percorso prima con Sinistra Democratica e poi con Sinistra Ecologia Libertà, che ho lasciato nel 2013 per motivi etico-morali. Alle Elezioni Amministrative per il mandato 2006/2011 sono stato eletto al Consiglio Provinciale della Provincia di Treviso. Parallelamente si è svolto anche il mio impegno nell’associazionismo, nel volontariato e nella cooperazione con Banca Etica, la Rete Lilliput, Coop Adriatica e Legambiente. Dal 9 febbraio 1979 condivido la mia vita con Maria G. Di Rienzo .

One thought on “Lettera aperta al nuovo Questore di Treviso

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...