Fabbrica Treviso

Blog di Stefano Dall'Agata

Treviso Città con una buona atmosfera

Lascia un commento

La vivibilità di una Città dipende in grande misura dalla qualità della sua aria, per la quale i trasporti e il riscaldamento degli edifici sono i fattori che più incidono.

L’obiettivo di una buona Amministrazione deve essere la promozione di buone pratiche e l’adozione di politiche attive per la riduzione delle emissioni inquinanti.

È importante quindi dare forza al trasporto pubblico, contrastando le logiche che vorrebbero una sua riduzione, il processo di costituzione di Mobilità di Marca deve necessariamente dotarsi di un piano industriale finalizzato non a gestire una semplice operazione finanziaria tra gli Enti costituenti, ma a garantire un servizio urbano efficiente e realmente tarato sulle necessità dei cittadini.

Si deve inoltre dare impulso a oltre che al potenziamento dei servizi di trasporto collettivi su ferro e gomma, anche a quelle pratiche per un sistema di servizi innovativi legati all’automobile (car sharing, car pooling, integrazione con il TPL, servizi a chiamata, trasposto scolastico, trasporto persone a mobilità ridotta, consegna merci a domicilio) che rappresentano una modalità innovativa di gestione dei mezzi privati.

È importante la promozione della figura del mobility manager per le realtà trevigiane ad alto livello occupazionale, USL, Provincia, Comune e quindi a più alto impatto sulla mobilità.

Si deve poi lavorare affinché al Città sia sempre più a misura della mobilità debole (pedonale e ciclistica), costruendo una politica di prevenzione del rischio, con l’individuazione dei punti critici per la sicurezza, e l’introduzione del sistema 30 km/h oltre allo sviluppo di nuove piste ciclabili. Importante è anche l’estensione dei progetti Pedibus per i bambini che vanno a scuola.

L’altro fronte è quello dell’efficienza energetica degli edifici, che porta ad una riduzione netta delle emissioni nella stagione, quella invernale, che presenta le maggiori criticità sotto il profilo dell’inquinamento atmosferico.

La strada maestra è l’adozione di un regolamento edilizio coerente con le Linee Guida elaborate nel PTCP su proposta di SEL e con un percorso che ha visto anche la partecipazione del Comune di Treviso. I ritardi accumulati dall’attuale Amministrazione non hanno scusanti, anche le collaborazioni iniziate con le Associazioni sono rimaste lettera morta, serve una progettualità, ma anche una chiara e forte volontà politica per realizzare, con il contributo dei cittadini, la Città del Futuro.
L’azione dell’Amministrazione di Treviso dovrà partire dagli interventi sul patrimonio comunale (scuole ed uffici) spesso vecchio se non antico, dando priorità al risparmio energetico, per poi proseguire con lo sviluppo di fonti rinnovabili di energia.

In questo quadro è importante la capacità della Città di dotarsi di un Piano Energetico Comunale, che partendo dall’analisi dei fabbisogni e dalla valutazione dei risparmi potenziali deve arrivare ad un Piano d’Azione che indichi gli interventi da fare in rapporto alla loro sostenibilità economica, sia per rispondere all’osservanza del Protocollo di Kyoto, sia, e soprattutto, per realizzare la Città migliore per le generazioni future.

Coerentemente con ciò va ribadita la contrarietà all’ampliamento della capacità operativa dell’Aeroporto Canova, con le ricadute dirette che si avrebbero sull’aumento degli inquinanti e sulla qualità della vita delle persone residenti a Treviso.

Stefano Dall’Agata

Sinistra Ecologia Libertà

Circolo di Treviso

Annunci

Autore: Stefano Dall'Agata

Sono nato a Treviso il 6 dicembre 1960, ho conseguito il Diploma di Perito Chimico industriale presso l’ITIS “Enrico Fermi” di Treviso. In gioventù ho praticato atletica leggera e Tae Kwon Do, ma la mia grande passione è la musica, ho anche collaborato come DJ a varie radio locali. Lavoro come carrellista e sono iscritto al sindacato Filt Cgil di Treviso. Ho iniziato a partecipare alla politica attiva nel 1994 prima con il PDS, poi con i DS, arrivando a ricoprire la carica di Responsabile Regionale Ambiente e Territorio. Al loro scioglimento ho deciso di non aderire al PD e ho proseguito il mio percorso prima con Sinistra Democratica e poi con Sinistra Ecologia Libertà, che ho lasciato nel 2013 per motivi etico-morali. Alle Elezioni Amministrative per il mandato 2006/2011 sono stato eletto al Consiglio Provinciale della Provincia di Treviso. Parallelamente si è svolto anche il mio impegno nell’associazionismo, nel volontariato e nella cooperazione con Banca Etica, la Rete Lilliput, Coop Adriatica e Legambiente; nel 2011 sono stato il coordinatore provinciale del comitato referendario contro il nucleare. Dal 2014 partecipo alle attività del Gruppo Promozione e dal febbraio 2016 sono membro della Comunità di Ubuntu-it . Dal 9 febbraio 1979 condivido la mia vita con Maria G. Di Rienzo .

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...