Fabbrica Treviso

Blog di Stefano Dall'Agata

La Tav, un vecchio esposto ed un po’ di memoria storica

Lascia un commento

https://i2.wp.com/www.notav.eu/notav/contenuti/archivio/immagini/logopiccolo.JPGStimolato dal dibattito che in questi giorni sta intorno alla questione della TAV in Val di Susa mi sono convinto a frugare nelle vecchie carte accumulate in anni di difesa dell’ambiente.
Ne è saltato fuori un esposto del 1998 del CODACONS Lombardia, Veneto e Piemonte dal chiarissimo titolo:

ALTA VELOCITA’

UNA TRUFFA DA AZZERARE E UN PROGETTO DA RIDEFINIRE NELL’INTERESSE DEL PAESE E DELLE COMUNITÀ LOCALI

Il documento si svolge con questo indice:

  1. Presentazione.
  2. Ruoli e responsabilità nel progetto TAV.
  3. L’architettura contrattuale finalizzata solo alla tutela dell’interesse privato.
  4. La TAV SpA: una società mutile e dannosa; costituita solo per rendere
    credibile la truffa del finanziamento privato.
  5. Le False comunicazioni sulla TAV SpA dal luglio 1991 al maggio 1995.
  6. Le incompatibilità e la lievitazione abnorme dei costi causati da TAV SpA
    dal 1994 al 1998.
  7. Le scelte immotivate ed antieconomicne sulla TAV SpA dal Febbraio 1998
    ad oggi.
  8. La catena delle situazioni illogiche, illegittime e distorte nell’architettura
    contrattuale per l’Alta Velocità.
  9. I condizionamenti determinanti e prevalenti della attuale architettura
    contrattuale sulle scelte tecniche, tecnologiche e ambientali.
  10. Note conclusive

Gli estensori sono:

  1. Claudio Cancelli ( Docente al Politecnico di Torino )
  2. Ivan Cicconi ( Direttore Centro Servizi QUASCO )
  3. Angelo Tartaglia ( Docente al Politecnico di Torino )
  4. Erasmo Venosi ( Portavoce Conferenza permanente dei Sindaci )
  5. Paolo Rabitti ( Docente Università di Venezia )
  6. Virginio Bettini ( Docente Università di Venezia)
  7. Roberto Galantini ( Delegato dello studio Spaggiari)

Emerge in modo evidente il perverso intreccio tra imprenditoria e politica, che è uno dei maggiori problemi nell’etica pubblica del nostro Paese.

Per chi lo conosce merita una rilettura, per chi non lo conosceva ancora buona lettura.

Scarica l’Esposto CODACONS ALTA VELOCITÀpdf.png

Annunci

Autore: Stefano Dall'Agata

Sono nato a Treviso il 6 dicembre 1960, ho conseguito il Diploma di Perito Chimico industriale presso l’ITIS “Enrico Fermi” di Treviso. In gioventù ho praticato atletica leggera e Tae Kwon Do, ma la mia grande passione è la musica, ho anche collaborato come DJ a varie radio locali. Lavoro come carrellista e sono iscritto al sindacato Filt Cgil di Treviso. Ho iniziato a partecipare alla politica attiva nel 1994 prima con il PDS, poi con i DS, arrivando a ricoprire la carica di Responsabile Regionale Ambiente e Territorio. Al loro scioglimento ho deciso di non aderire al PD e ho proseguito il mio percorso prima con Sinistra Democratica e poi con Sinistra Ecologia Libertà, che ho lasciato nel 2013 per motivi etico-morali. Alle Elezioni Amministrative per il mandato 2006/2011 sono stato eletto al Consiglio Provinciale della Provincia di Treviso. Parallelamente si è svolto anche il mio impegno nell’associazionismo, nel volontariato e nella cooperazione con Banca Etica, la Rete Lilliput, Coop Adriatica e Legambiente; nel 2011 sono stato il coordinatore provinciale del comitato referendario contro il nucleare. Dal 2014 partecipo alle attività del Gruppo Promozione e dal febbraio 2016 sono membro della Comunità di Ubuntu-it . Dal 9 febbraio 1979 condivido la mia vita con Maria G. Di Rienzo .

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...