Fabbrica Treviso

Blog di Stefano Dall'Agata

Lo strabismo del PD trevigiano

Lascia un commento

La doppia tornata elettorale consegna allo sguardo una Treviso diversa, con le destre che per la prima volta dopo molto tempo sono minoranza in Città; e con l’elevata partecipazione ai referendum che dà un segnale chiarissimo sia per quanto riguarda la volontà dei cittadini di decidere sulle questioni che li riguardano, sia per quanto riguarda la qualità delle scelte che devono essere fatte nella gestione dei Beni Comuni, e sia per quanto riguarda i confini dell’etica pubblica.

Abbiamo in Città una maggioranza assoluta di elettori che pensa che non possa esserci una Giustizia a due velocità, dura con i cittadini e tenera con i potenti, che crede che vi siano funzioni che devono restare sotto controllo democratico, e non delegate al Mercato, e che rivendica il diritto di partecipare in prima persona.

Un centro-sinistra che si candida a governare Treviso deve far proprie queste aspirazioni e lavorare per una reale alternativa al sistema di occupazione del potere Lega-PDL, deve scegliere nettamente la strada di una politica partecipata che si rivolge alle cittadine e ai cittadini riconoscendo a loro la capacità di discernimento su ciò che riguarda l’organizzazione della loro Città e quindi della loro vita.

Purtroppo le prime mosse del PD trevigiano non sembrano andare in questa direzione, e dimostrano ancora una volta l’autoreferenzialità del suo ceto dirigente rispetto alla propria stessa base.

La corsa al “centro” che è partita subito dopo il voto delle amministrative con la stranezza di veder organizzata, in piena campagna referendaria, un’iniziativa che guardava al proprio ombelico e alle proprie aspirazioni centriste, per finire con l’infelice idea di invitare il punto di riferimento del Terzo Polo trevigiano all’iniziativa sulle questioni connesse all’ampliamento dell’Aeroporto Canova dà il segnale di inadeguatezza, storica direi, del PD trevigiano.

La sufficienza con cui si continua a trattare Sinistra Ecologia Libertà e tutta la sinistra è slegata dal dato reale che consegna alla sola SEL una percentuale di voti superiore a tutto il Terzo polo messo insieme, e l’invitare l’ex amministratore dell’Aeroporto per conto della Lega non appare certo sintomo di lungimiranza politica, aldilà dell’impegno e della buona volontà sulla questione di alcune esponenti del PD locale.

Nel 2008 si è consegnata la Città alla destra dopo aver cercato per mesi la candidatura di un esponente di punta di Forza Italia, poi finito in giunta con Gobbo; ora che detta persona è stata scaricata dal suo partito spero che nel PD trevigiano non si pensi a riproporlo.

Spero anzi che si possa invece cominciare una partita per il programma della Città che i trevigiani vogliono, sapendo che la forma di discussione vera e forte del programma sono proprio quelle Primarie che il PD trevigiano rifiutò con sdegno la volta scorsa, ma che restano (e Milano e Bologna insegnano) la strada maestra per la costruzione di un percorso che aspiri realmente alla liberazione di Treviso dalla cappa oscura rappresentata da questa destra.

Stefano Dall’Agata – Sinistra Ecologia Libertà Treviso

Annunci

Autore: Stefano Dall'Agata

Sono nato a Treviso il 6 dicembre 1960, ho conseguito il Diploma di Perito Chimico industriale presso l’ITIS “Enrico Fermi” di Treviso. In gioventù ho praticato atletica leggera e Tae Kwon Do, ma la mia grande passione è la musica, ho anche collaborato come DJ a varie radio locali. Lavoro come carrellista e sono iscritto al sindacato Filt Cgil di Treviso. Ho iniziato a partecipare alla politica attiva nel 1994 prima con il PDS, poi con i DS, arrivando a ricoprire la carica di Responsabile Regionale Ambiente e Territorio. Al loro scioglimento ho deciso di non aderire al PD e ho proseguito il mio percorso prima con Sinistra Democratica e poi con Sinistra Ecologia Libertà, che ho lasciato nel 2013 per motivi etico-morali. Alle Elezioni Amministrative per il mandato 2006/2011 sono stato eletto al Consiglio Provinciale della Provincia di Treviso. Parallelamente si è svolto anche il mio impegno nell’associazionismo, nel volontariato e nella cooperazione con Banca Etica, la Rete Lilliput, Coop Adriatica e Legambiente; nel 2011 sono stato il coordinatore provinciale del comitato referendario contro il nucleare. Dal 2014 partecipo alle attività del Gruppo Promozione e dal febbraio 2016 sono membro della Comunità di Ubuntu-it . Dal 9 febbraio 1979 condivido la mia vita con Maria G. Di Rienzo .

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...