Fabbrica Treviso

Blog di Stefano Dall'Agata

SGOMINATA PERICOLOSA BANDA DI LADRI DI IMMONDIZIE!!!

Lascia un commento

Ennesima notizia che criminalizza l’immigrazione

Un duro colpo è stato inferto alla criminalità internazionale!!! Un blitz dei vigili urbani di Preganziol ha sgominato una pericolosissima banda di criminali, composti da un lavoratore del Burkina Faso, regolarmente presente in Italia da oltre 12 anni che, nel giro di alcuni mesi, era riuscito ad accatastare davanti la propria abitazione, dentro un furgone (regolarmente acquistato per dissimulare meglio la pericolosa attività criminale!!) frigoriferi, lavatrici, televisori, biciclette, vestiti, pentole ecc. ecc..!! Questo si intuiva leggendo due trafiletti nella cronaca di Mogliano e di Preganziol del Gazzettino e della Tribuna di sabato 27 marzo 2010, giornata che passerà alla storia per il trionfo della lotta alla criminalità organizzata!! Letto il verbale dei vigili, un quadro ancora più allarmante: accuse di furto, furto aggravato, ricettazione, ecc.

Di cosa si trattava? Roba rubata? Trafugata? Frutto di loschi traffici internazionali? Nulla di tutto ciò.

Sono semplicemente i rifiuti della nostra società ricca, opulenta, egoista e ipocrita che, spesso incentivata dai contributi per le rottamazioni (“consumo, quindi sono”) quotidianamente butta nelle discariche, fuori dei cassonetti o che regala ai “poveri negretti” (qualcuno cosi si lava anche la coscienza) che li raccolgono, li puliscono, li sistemano, li accumulano nei propri garage o in spazi davanti alle proprie case o in aree messe a disposizione da qualche azienda o da qualche contadino, e che periodicamente mandano in Africa.

E’ quello che stava facendo Salfo, questo operaio Burkianabé in cassa integrazione che, vedendo tutto questo spreco, aveva pensato di fare qualcosa di utile per il suo villaggio vicino a Ouagadougou: aveva “criminosamente” pensato di portare tutto questo “ben di Dio” ai poveri della sua Comunità.

Pensiamo che questa “criminosa” attività abbia dato fastidio a qualche benpensante vicino di casa che avrà segnalato ai vigili quel “losco traffico”.

Peraltro il nostro amico Salfo, un lavoratore ora in cassa integrazione, un buon padre, una persona rispettata (aluni cittadini di Preganziol stanno raccogliendo le firme per testimoniare che tutto quello che aveva accumulato erano donazioni), aveva comunicato ai Vigili Urbani che il furgone con tutto il materiale sarebbe partito proprio sabato 27 per Genova, destinazione Burkina Faso.

Ma è arrivato il blitz con accuse da Mafia del Brenta. Dovrà trovarsi un avvocato per difendersi dalla colpa di aver raccolto le briciole cadute dal tavolo del ricco Epulone! Evviva i valori cristiani dei quali si ammantano.

Salfo, e anche noi, abbiamo pieno rispetto del lavoro dei Vigili Urbani (meno di chi li ha mandati) e del buon senso che, auspichiamo, il Giudice adotterà in questo caso. Ma siamo convinti che tanto dispiegamento di forze avrebbe meritato miglior causa.

E intanto un altro messaggio è passato: gli immigrati sono delinquenti e ladri (vedi i titoli: “rubavano vecchie lavatrici per l’Africa” e “rubava in discarica e spediva i pezzi in Africa”. Tra l’altro, quando mai vengono mandate lavatrici dove non c’è nemmeno l’acqua da bere?

Non potevano anche i cronisti chiedere a Salfo come stavano le cose?

Chi ridarà la dignità a questa persona per bene? Chi lo ripagherà del danno subito? Aveva già pagato l’Agenzia per il trasporto, che forse non gli verrà nemmeno rimborsato. E i costi per difendersi? E le strumentalizzazioni?

Coraggio amici immigrati “ a da passà a nuttata”.

Gianni Rasera I Care onlus

Modou Diop Coordinamento Cittadinanza Attiva

Treviso 28/3/2010

Annunci

Autore: Stefano Dall'Agata

Sono nato a Treviso il 6 dicembre 1960, ho conseguito il Diploma di Perito Chimico industriale presso l’ITIS “Enrico Fermi” di Treviso. In gioventù ho praticato atletica leggera e Tae Kwon Do, ma la mia grande passione è la musica, ho anche collaborato come DJ a varie radio locali. Lavoro come carrellista e sono iscritto al sindacato Filt Cgil di Treviso. Ho iniziato a partecipare alla politica attiva nel 1994 prima con il PDS, poi con i DS, arrivando a ricoprire la carica di Responsabile Regionale Ambiente e Territorio. Al loro scioglimento ho deciso di non aderire al PD e ho proseguito il mio percorso prima con Sinistra Democratica e poi con Sinistra Ecologia Libertà, che ho lasciato nel 2013 per motivi etico-morali. Alle Elezioni Amministrative per il mandato 2006/2011 sono stato eletto al Consiglio Provinciale della Provincia di Treviso. Parallelamente si è svolto anche il mio impegno nell’associazionismo, nel volontariato e nella cooperazione con Banca Etica, la Rete Lilliput, Coop Adriatica e Legambiente; nel 2011 sono stato il coordinatore provinciale del comitato referendario contro il nucleare. Dal 2014 partecipo alle attività del Gruppo Promozione e dal febbraio 2016 sono membro della Comunità di Ubuntu-it . Dal 9 febbraio 1979 condivido la mia vita con Maria G. Di Rienzo .

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...