Fabbrica Treviso

Blog di Stefano Dall'Agata

Poltrone e lega

Lascia un commento

Leggo dello scontro per le poltrone interno alla lega nord.
Vorrei segnalare al “puro” Serena che in vari tabelloni vi sono suoi manifesti, anche fuori dagli spazi della lega, magari sopra ai manifesti di Sinistra Ecologia e Libertà.
Per quanto riguarda gli “esposti” a Gobbo: se come Sindaco di Treviso si comporta in modo che abbiamo denunciato come non corretto rispetto al suo mandato istituzionale, per quale ragione dovrebbe essere corretto come Segretario Regionale di Partito?
Quanto alla battuta di Pettenà sul tornare a montare condizionatori, mi risulta che sia molto ben pagato come Presidente del Consiglio Provinciale, gli chiedo quindi di fare il piacere di evitare la demagogia spicciola.
Un solo dubbio: un po’ di vergogna mai?…
Stefano Dall’Agata – Sinistra Ecologia e Libertà
Consigliere Provincia di Treviso


La Tribuna di Treviso

DOMENICA, 28 MARZO 2010

Pagina 17 – Cronaca
Ultime ore di campagne incandescenti per le strisce gialle e i manifesti personalizzati del Carroccio
Lega, veleni fino all’ultimo minuto
Scontro tra i big: «Violate le regole interne». Pioggia di dossier a Gobbo e Da Re

Veleni fino all’ultimo in casa Lega. Guerra totale fra i candidati: se oggi si sfidano alle urne, domani davanti ai vertici del Carroccio, si annunciano altri duelli a colpi di dossier, ricchi di foto scattate sui tabelloni nei paesi e sulle strade di mezza Marca.
«Le regole sottoscritte al momento della lista sono state violate, abbiamo le prove» – tuonano tutti. La goccia che ha fatto traboccare il vaso sono state le strisce gialle pro Caner apparse su moltissimi manifesti ufficiali, anche quelli di Zaia. I rivali, con i rispettivi clan, sono andati su tutte le furie. Già ieri c’è chi ha staccato le strisce caneriane, e ne ha fatto un mucchio davanti a casa del consigliere uscente. «Un cartellino giallo» – ironizza chi non ha gradito, e forse ha agito.
A uscire allo scoperto Fulvio Pettenà, Zaia boy per antonomasia: «Ora non mi si venga a dire che sono fatte all’insaputa del candidato o che sono di mano ignota – attacca – qui le regole sono chiare, Caner non le sta rispettando, in diversi frangenti. Condotta poco rispettosa, soprattutto di chi si affaccia solo ora alla competizione, e non ha 10 anni di mandato alle spalle e i miliardi guadagnati con la politica. Lo dico in tranquillità: perdo? Lunedì sono a montare condizionatori, come sempre. Non so altri…». Pare che Pettenà sia infuriato per i blitz di Caner all’incontro dell’Antica Postumia promosso dai sindaci sostenitori di Pettenà. Sulla stessa linea Marco Serena: «Tutti avevamo firmato un codice deontologico: vietate le pubblicità personali. Con tanto di multa. Qualcuno lo sta bellamente ignorando e calpestando. Se questa è l’importanza di una firma, siamo a posto…»
E Caner, come replica? «Non dovrei nemmeno rispondere, ognuno sa bene cosa ha fatto – risponde – ho le prove di quanto dico, ho scattato foto a Fontane, a Castelfranco, a Montebelluna, qui a Treviso. Se ci sarà chi dirà qualcosa, risponderò in modo adeguato. C’è c’è chi predica bene ma razzola male».
Intanto, raccontano in Provincia che Muraro abbia richiamato all’ordine il capo della polizia provinciale, Mongini, peraltro segretario di sezione del Carroccio. Il suo «peccato»? Aver lavorato troppo visibilmente per Pettenà. E Muraro, a tutti, ha ribadito la sua linea. «Sono neutro, ma se mi chiamano vado a dare una mano a tutti: certi giorni ne ho sostenuti 3 o 4…» Una cosa è certa: questa campagna annuncia rese dei conti e scontri mai visti prima, da qui al congresso. Nemmeno un trionfo farà dimenticare quanto, per la prima volta, sta vivendo il partito. «Mai successo nulla di simile, e sono nel partito da due decenni» – tuona un veterano. Sembra l’anticamera – eresia pura, – alla nascita delle correnti (quasi) organizzate. (a.p.)

Annunci

Autore: Stefano Dall'Agata

Sono nato a Treviso il 6 dicembre 1960, ho conseguito il Diploma di Perito Chimico industriale presso l’ITIS “Enrico Fermi” di Treviso. In gioventù ho praticato atletica leggera e Tae Kwon Do, ma la mia grande passione è la musica, ho anche collaborato come DJ a varie radio locali. Lavoro come carrellista e sono iscritto al sindacato Filt Cgil di Treviso. Ho iniziato a partecipare alla politica attiva nel 1994 prima con il PDS, poi con i DS, arrivando a ricoprire la carica di Responsabile Regionale Ambiente e Territorio. Al loro scioglimento ho deciso di non aderire al PD e ho proseguito il mio percorso prima con Sinistra Democratica e poi con Sinistra Ecologia Libertà, che ho lasciato nel 2013 per motivi etico-morali. Alle Elezioni Amministrative per il mandato 2006/2011 sono stato eletto al Consiglio Provinciale della Provincia di Treviso. Parallelamente si è svolto anche il mio impegno nell’associazionismo, nel volontariato e nella cooperazione con Banca Etica, la Rete Lilliput, Coop Adriatica e Legambiente; nel 2011 sono stato il coordinatore provinciale del comitato referendario contro il nucleare. Dal 2014 partecipo alle attività del Gruppo Promozione e dal febbraio 2016 sono membro della Comunità di Ubuntu-it . Dal 9 febbraio 1979 condivido la mia vita con Maria G. Di Rienzo .

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...