Fabbrica Treviso

Blog di Stefano Dall'Agata

Il Questore e i laboratori cinesi

Lascia un commento

Il mio plauso all’iniziativa del Questore Damiano per arrivare a por termine allo sfruttamento di lavoratori nei laboratori cinesi. E trovo estremamente opportuno che siano coinvolti nel “Comitato per l’ordine e la sicurezza” anche i committenti italiani oltre a quelli cinesi.
È sicuramente il segnale che il tema del lavoro e della sua qualità nonché la questione del rispetto dei diritti umani dei lavoratori, stanno acquisendo una nuova attenzione da parte della società.
Non vorrei però che ci si limitasse all’azione, doverosa peraltro, verso un singolo settore produttivo.
Il Veneto e la Provincia di Treviso sono luoghi dove lavoratori veneti sono sfruttati, magari non con le stesse forme, anche da imprenditori locali, con parte della classe politica che ha sostenuto in sede legislativa la “deregulation” sulle questioni del lavoro, si pensi ad esempio alla legge che impediva le lettere di dimissioni in bianco.
Credo quindi che, a partire dall’ottima iniziativa promossa dal Questore Damiano, sarebbe utile un’analoga iniziativa da parte di Forze politiche, Enti locali, Sindacati e Categorie per ridare al Lavoro quella centralità che la nostra Costituzione gli assegna.

Stefano Dall’Agata – Sinistra Ecologia e Libertà
Consigliere Provincia di Treviso

La Tribuna di Treviso, 7 febbraio 2010

Il questore: stop ai laboratori cinesi

Convocati gli imprenditori per porre fine allo sfruttamento di manodopera

COMPARTO TESSILE NEL MIRINO Un tavolo con italiani e stranieri Damiano: «Si tratta di un’emergenza»

FIAMMETTA CUPELLARO

Imprenditori cinesi e italiani si troveranno in prefettura. Obiettivo: mettere fine allo sfruttamento di manodopera giovane e irregolare impiegata nei laboratori tessili. E’ stato il questore di Treviso, Carmine Damiano a chiedere al prefetto, Vittorio Capocelli di invitare ad un incontro i rappresentanti delle associazioni della comunità cinese, dell’Ascom, della Confcommercio e degli industriali. Il contesto sarà di grande formalità visto che il questore ha chiesto che avvenga nell’ambito del Comitato per l’ordine e la sicurezza, l’organo che si occupa delle emergenze a livello provinciale.
«Perchè di emergenza si tratta – ha detto il questore – i problemi connessi ai laboratori cinesi non sono più tollerabili nè dal punto di vista economico, nè da quello della sicurezza. E’ necessario che commercianti e imprenditori, sia italiani che cinesi, decidano insieme cosa fare per bloccare il fiorire di questi laboratori illegali. Tra l’altro, vista la crisi economica, non è tollerabile restare fuori dalle regole del libero commercio».
L’obiettivo di prefetto e questore è di sollecitare produttori (cinesi) e i loro clienti (commercianti e piccoli imprenditori italiani) al rispetto delle regole di mercato. Altrimenti, la conseguenza è la riduzione in schiavitù di decine di giovani cinesi costretti a lavorare per dodici ore al giorno nei laboratori tessili. La prova è che nel giro di una settimana gli agenti della squadra mobile di Treviso hanno scoperto un altro laboratorio-lager. Dopo quello di Casier, hanno fatto irruzione a Postioma, in via Pastore 6. Nonostante fossero passate le 22 alla «Mary confezioni» i 35 operai, di cui 5 non erano in regola con il permesso di soggiorno, erano impegnati a confezionare maglioni. Naturalmente, nessuno aveva un contratto per il lavoro notturno e le condizioni dei locali erano fatiscenti. Il titolare, Way Wang Yong di 35 anni è stato denunciato, mentre si sta vagliando la posizione di tre ragazzi che avevano presentato la richiesta di soggiorno come «colf». Ora rischiano l’espulsione. E che gli affari superino le sanzioni, lo dimostra il fatto che la «Mary confezioni», oltre un anno fa, era già stata controllata dalla polizia. La situazione era sempre la stessa: di degrado e sfruttamento.

Annunci

Autore: Stefano Dall'Agata

Sono nato a Treviso il 6 dicembre 1960, ho conseguito il Diploma di Perito Chimico industriale presso l’ITIS “Enrico Fermi” di Treviso. In gioventù ho praticato atletica leggera e Tae Kwon Do, ma la mia grande passione è la musica, ho anche collaborato come DJ a varie radio locali. Lavoro come carrellista e sono iscritto al sindacato Filt Cgil di Treviso. Ho iniziato a partecipare alla politica attiva nel 1994 prima con il PDS, poi con i DS, arrivando a ricoprire la carica di Responsabile Regionale Ambiente e Territorio. Al loro scioglimento ho deciso di non aderire al PD e ho proseguito il mio percorso prima con Sinistra Democratica e poi con Sinistra Ecologia Libertà, che ho lasciato nel 2013 per motivi etico-morali. Alle Elezioni Amministrative per il mandato 2006/2011 sono stato eletto al Consiglio Provinciale della Provincia di Treviso. Parallelamente si è svolto anche il mio impegno nell’associazionismo, nel volontariato e nella cooperazione con Banca Etica, la Rete Lilliput, Coop Adriatica e Legambiente; nel 2011 sono stato il coordinatore provinciale del comitato referendario contro il nucleare. Dal 2014 partecipo alle attività del Gruppo Promozione e dal febbraio 2016 sono membro della Comunità di Ubuntu-it . Dal 9 febbraio 1979 condivido la mia vita con Maria G. Di Rienzo .

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...