Fabbrica Treviso

Blog di Stefano Dall'Agata

La 500 rossa è partita

Lascia un commento

La Sinistra in viaggio

La notte tra venerdì e sabato sta finendo, quando ci ritroviamo al parcheggio convenuto per partire alla volta di Roma.

Viene da dire che come al solito per la Sinistra le cose sono belle solo se complicate! Sono le 5.00 e ci sono già dieci centimetri di neve.

Comunque non demordiamo e ci mettiamo in viaggio affidandoci alle origini trentine di Renato e alla sua familiarità con le strade innevate; i telefoni ci portano notizia di compagni/e che hanno rinunciato o che sono in stazione in cerca di un treno.

In auto si discute del sistema scelto per la composizione del Coordinamento Nazionale, ogni candidato deve essere sostenuto da 25 firme, poi tra i candidati si andrà alla selezione in base al voto (ogni delegato/a può esprimere tra le 8 e le 12 preferenze).

Un po’ in ritardo arriviamo a Roma e splende il Sole (anche se fa freddo), e i lavori dell’Assemblea sono già iniziati: c’è il nuovo simbolo ed è dagli iscritti. Tra un intervento e l’altro si comincia la raccolta di firme; io firmo per Fulvia Bandoli e, deciso a sostenere i candidati che rappresentano meno le vecchie appartenenze, assieme a un compagno di Padova comincio a raccogliere le firme per la riconferma di Alessandro Zan.

Poi al pomeriggio ci si divide tra i Gruppi di Lavoro prefissati, vado al Gruppo sui Beni Comuni dove la discussione è incentrata su acqua pubblica e aria pulita, sulla ricerca della strada migliore per fermare alcune tra le cose più pericolose proposte dal Governo: la privatizzazione dell’acqua e il nuovo programma nucleare. Si decide che sia opportuno promuovere un fronte quanto più ampio possibile prima di muoversi con i quesiti referendari, ma che qualora venissero proposti la posizione di SEL sul referendum sia chiara e forte contro le proposte governative.

Altri temi trattati quello dell’approvvigionamento energetico del Paese, disponendo che la discussione sui rigassificatori deve essere fatta all’interno della programmazione nazionale, si è deciso inoltre di assumere a piano titolo le questioni della pesca e dell’agricoltura all’interno del Gruppo, consapevoli che il modo in cui si produce il cibo e l’attenzione al territorio non possono essere disgiunti dal tema dei beni comuni, così come deve entrarci a piano titolo la questione della conoscenza e del suo libero accesso.

Sfruttiamo poi l’occasione per ritrovarci anche come delegati del Veneto e cominciare a fare il punto tra di noi visto l’approssimarsi della scadenza delle Elezioni Regionali e delle questioni programmatiche da affrontare. Alla luce della crisi che sta investendo anche il declamato Nord-Est, con tutte le questioni ambientali aperte, basti pensare ai temi dei rifiuti e della mobilità, e con gli spettri della disoccupazione e della precarietà che investono il mondo del lavoro.

Si decide di trovarci subito dopo Natale per valutare il quadro politico e le possibili alleanze, programmando da subito l’Assemblea Regionale di SEL, da promuovere come iniziativa pubblica alla metà di gennaio.

La mattina di domenica si inizia con le relazioni dei Gruppi di Lavoro e poi il proseguito del dibattito, nel contempo emerge la preoccupazione che dal Coordinamento Nazionale possano essere esclusa, in base ad un meccanismo di voto che premia le forze più organizzate, i gruppi degli ex-Verdi e di Unire la Sinistra, passa poi, su proposta di Gianni Mattioli (che ripeteva concetti che circolavano dal mattino) l’allargamento, votato a maggioranza e non senza qualche polemica, del Consiglio Nazionale da 24 a 32 componenti (tanti quanti i candidati). Poi, dopo l’elezione di Nichi Vendola a Portavoce di SEL tutti in viaggio verso casa…

Stefano Dall’Agata

Annunci

Autore: Stefano Dall'Agata

Sono nato a Treviso il 6 dicembre 1960, ho conseguito il Diploma di Perito Chimico industriale presso l’ITIS “Enrico Fermi” di Treviso. In gioventù ho praticato atletica leggera e Tae Kwon Do, ma la mia grande passione è la musica, ho anche collaborato come DJ a varie radio locali. Lavoro come carrellista e sono iscritto al sindacato Filt Cgil di Treviso. Ho iniziato a partecipare alla politica attiva nel 1994 prima con il PDS, poi con i DS, arrivando a ricoprire la carica di Responsabile Regionale Ambiente e Territorio. Al loro scioglimento ho deciso di non aderire al PD e ho proseguito il mio percorso prima con Sinistra Democratica e poi con Sinistra Ecologia Libertà, che ho lasciato nel 2013 per motivi etico-morali. Alle Elezioni Amministrative per il mandato 2006/2011 sono stato eletto al Consiglio Provinciale della Provincia di Treviso. Parallelamente si è svolto anche il mio impegno nell’associazionismo, nel volontariato e nella cooperazione con Banca Etica, la Rete Lilliput, Coop Adriatica e Legambiente; nel 2011 sono stato il coordinatore provinciale del comitato referendario contro il nucleare. Dal 2014 partecipo alle attività del Gruppo Promozione e dal febbraio 2016 sono membro della Comunità di Ubuntu-it . Dal 9 febbraio 1979 condivido la mia vita con Maria G. Di Rienzo .

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...